Visita altri paesi: Bulgaria | Cambogia | Cina | Etiopia | India | Russia | Ucraina | Vietnam

Adozione in Colombia

 

Nella legge 1098 dell’Infanzia e dell’Adolescenza, articolo 61, l’adozione in Colombia viene intesa come “misura di protezione attraverso la quale, sotto la suprema vigilanza dello Stato, si stabilisce in modo irrevocabile la relazione paterno filiale fra persone che non ce l’hanno per natura”. I programmi che riguardano l’adozione sono materia dell’Istituto Colombiano del Bienestar Familiar, tenendo conto che nella stessa legge viene indicato come “autorità centrale” (art. 62).

Occorre chiarire che l’applicazione della misura dell’Adozione in Colombia obbedisce alla protezione dei diritti e degli interessi dei bambini, bambine e adolescenti all’interno dei processi giuridici e amministrativi effettuati dal ICBF, a carico degli uffici per le difese della famiglia, e che non esiste un “diritto costituzionale ad adottare”.

In Colombia, quindi, opera come Autorità Centrale. Le domande dei cittadini stranieri provenienti da paesi che hanno ratificato o aderito alle Convenzioni relative alla Protezione dei Bambini e alla cooperazione in materia di adozione in Colombia e altre simili approvate dal Congresso della Repubblica, hanno la priorità sulle domande degli altri cittadini stranieri provenienti da Stati che non hanno integrato nei loro ordinamenti giuridici Convenzioni o trattati in questa materia (eccetto i casi dei candidati colombiani residenti all’estero che hanno priorità sugli altri richiedenti secondo quanto stipulato dall’Articolo 71 del Codice dell’Infanzia e dell’Adolescenza). Conformemente alle norme legali vigenti questo criterio è obbligatorio per le Regionali.

Nel 2006 sono state realizzate 2353 adozioni, di cui 956 a famiglie colombiane e 1397 a famiglie straniere di cui 306 a famiglie italiane. Nel 2007 si sono realizzate 318 adozioni con famiglie italiane, di queste 190 (60%) hanno adottato bambini cosiddetti “speciali”, cioè gruppi di tre fratelli, gruppi di due fratelli di cui il maggiore ha più di otto anni, bambini maggiori di otto anni, bambini con problemi di salute o di abuso o di razza nera. 

Per la maggior parte di questi bambini (quelli con problemi di salute, o nuclei superiori ai due fratelli, o di razza nera) l’ICBF non si occupa direttamente di  individuare la famiglia, ma li segnala direttamente agli enti autorizzati che hanno un tempo, non definito ma che si aggira tra i 3 ed i 6 mesi, per svolgere ulteriori indagini mediche (nel caso siano segnalati per problemi di salute) e per trovare una coppia capace di accoglierli.

Per alcuni di loro il percorso non arriverà mai all’adozione in Colombia spesso a causa dell’età o di problemi di salute. Questi rappresentano una importante preoccupazione per l’ICBF che sta tentando di realizzare sia dei progetti di promozione dell’adozione in Colombia di questi bambini speciali, sia dei progetti di sostegno -anche attraverso la cooperazione internazionale – che consentano a questi bambini di crescere nel miglior modo possibile nel loro paese.

Al momento della nostra visita in Colombia vi erano 4500 bambini “speciali” in attesa di una famiglia, di questi solo alcuni hanno manifestano di non desiderare di essere adottati, ma molti di più non troveranno risposta al loro desiderio poiché le loro caratteristiche o non incontrano la disponibilità delle coppie o li rendono ormai incapaci di poter (ri)diventare “figli”.

Sostanzialmente la cooperazione è rivolta al contrasto della devianza sociale e dell’abbandono dei minori attraverso:

• Sostegno alle madri sole ed alle famiglie in situazioni di disagio

• Servizi mirati alla acquisizione di autonomia e alla scolarizzazione dei minori

istituzionalizzati

• Servizi di educazione e scolarizzazione dei bambini che vivono in aree marginali allo scopo di proporre nuovi modelli di vita.

La cooperazione viene sempre  svolta con la compartecipazione delle strutture sociali locali private o del volontariato.                          


Requisiti per l’idoneità

I requisiti di idoneità fisica, mentale, morale e sociale sono di legge e pertanto sono un compimento obbligatorio per i candidati all adozione in Colombia, sia per cittadini colombiani che stranieri.

L’esigenza prevista dalla legge sulle condizioni speciali di idoneità fisica, mentale morale e sociale richieste agli adottanti hanno la finalità di soddisfare l’interesse supremo del minore.

Idoneità fisica: i parametri basici di cui occorre tener conto per determinare l’idoneità fisica dei genitori adottivi, secondo l’Accademia Nazionale di Medicina, devono essere: “la salute fisica delle persone adottive deve corrispondere ad una situazione accettabile, che non presenti: invalidità seria, sopravvivenza corta, un ostacolo serio per stabilire una buona e stabile relazione affettiva padre – figlio e possibilità di trasmettere al bambino una infezione grave (HIV).
Idoneità mentale: l’Accademia Nazionale di Medicina considera che le interviste psicologiche, psicoanalitiche e psichiatriche fatte da professionisti qualificati, sono ampiamente sufficienti per stabilire l’idoneità mentale dei futuri genitori adottivi. A detto aggiornamento psicologico si deve aggiungere una relazione dei servizi sociali che abbiano le stesse caratteristiche professionali di idoneità e qualificazione accademica.

Valutazione della famiglia residente all’estero.

Nei paesi in cui gli Organismi Accreditati sono autorizzati, questi realizzeranno degli studi psicologici e sociali complementari che hanno l’obiettivo di ampliare e/o aggiornare l’informazione dello studio che ha dato origine all’approvazione nel loro paese, in accordo ai criteri stabiliti in questi lineamenti. Detti studi devono avere una validità massima di due anni dalla loro elaborazione.

In base allo studio della domanda, compresa l’autorizzazione per adottare all’estero, i professionisti dell’area psicosociale assegnati al Gruppo Adozioni della sede nazionale studiano e giudicano se sia il caso o meno di accettare la domanda. Le domande che presentano caratteristiche speciali per età, salute, condizione psicosociale o legale saranno studiate da un’equipe interdisciplinaria e della decisione definitiva verrà data attestazione tramite atto rispettivo.

Il periodo massimo fra il ricevimento e lo studio della domanda di adozione della famiglia residente all’estero, presentata al ICBF, è di 40 giorni lavorativi. Se la documentazione inviata non fosse completa, il Gruppo Adozioni della Sede Nazionale comunicherà per iscritto alla famiglia, al procuratore, all’autorità centrale, all’organismo accreditato, a seconda del caso, i documenti mancanti e il termine di tempo entro il quale inviarli, che non potrà superare i novanta giorni. Questo termine potrà essere prorogato di 15 giorni al massimo. Se quanto richiesto non verrà inviato, si riterrà che la coppia abbia deciso di rinunciare e si procederà a restituire la documentazione.

Una volta approvata la domanda della famiglia, il vicedirettore degli Interventi diretti informa della decisione tramite lettera e se la domanda non viene approvata, il Gruppo delle Adozioni produce una relazione tecnica perché il gruppo giuridico della sede provveda a far firmare alla direzione generale la decisione tramite la quale si nega la domanda, per permettere il ricorso.

Nella stessa comunicazione in cui si informa la famiglia che la domanda è stata accettata, verrà indicata anche l’età del bambino in mesi e anni, per il quale sono stati selezionati, affinché, durante il tempo che trascorrerà fino all’incontro, la famiglia si prepari in modo adeguato.

 

La Colombia è un Paese dell’America Meridionale situato nella fascia Andina.

A nord è bagnato dal Mar delle Antille, a nord-ovest confina con il Panama, a ovest è bagnato dall’Oceano Pacifico, a sud confina con il Perù, per 1496 km, e l’Ecuador per 590 km. Ad est invece confina con il Venezuela per 2050 km e con il Brasile per 1.643 km.

Fanno parte della Colombia anche gli isolotti di Gordona, Gorgonilla e Malpelo del dipartimento di Cauca, situati a 2 km al largo della costa pacifica e tutti di origine vulcanica.
Nel Mar dei Caraibi sono situati, invece, gli isolotti e banchi di Roncador, Serrana, Quitasueno, Bajo Nuevo e Serranilla del dipartimento di San Andrés Y Providencia.

Il territorio colombiano è diviso in tre settori: la costa oceanica piovosa a nord, gli altipiani andini, freddi e quasi desertici e la foresta amazzonica, piovosa e spesso alluvionata.

A nord, vicino alla frontiera ecuadoriana, le Ande colombiane si dividono in tre fasce di catene, orientate in direzione nord e nordest, conosciutie con la denominazione di cordigliere, costituite da ampie vallate.

Le montagne più alte della Colombia sono il Picco Cristoforo Colombo ed il Picco Simon Bolivar, entrambe di 5.575 metri. Nonostante sia montuosa solamente per un sesto della sua superficie territoriale, sulle Ande sono situate le città più popolose.

Il clima è condizionato dalla posizione del paese e dall’altitudine.
Questo alternarsi di montagne e vallate crea una grande variabilità climatica, passando da un clima tropicale lungo le coste e nelle pianure calde e umide a temperature più rigide man mano che si sale ai ghiacciai a 5.000 metri di altezza.

Il sottosuolo è ricco di petrolio, gas naturale, ferro, carbone, nichel, oro, rame, smeraldi e risorse idriche.

Per dimensioni la Colombia è il quarto Paese del Sud America ed è il solo ad affacciarsi sia sulle coste del Pacifico sia sul Mar dei Carabi (Oceano Atlantico).
La Colombia confina con il Panama a nord ovest, con il Venezuela a est, con il Brasile a sud est, con il Perù a sud e con l’Ecuador a sud ovest.

Tra gli aspetti geografici di maggiore interesse figurano i deserti nella parte nord-occidentale del paese, la giungla sulla costa del Pacifico, che detiene il primato di precipitazioni atmosferiche e la Serranda de la Macarena, una formazione montuosa isolata che si eleva nel mezzo delle pianure orientali raggiungendo 1.000 m di altezza.


La Colombia è un mosaico di etnie che lasciano il proprio contributo nella cultura, nel folclore, nell’arte e nell’artigianato del paese.
Le diverse radici e tradizioni indios, spagnole e africane hanno dato vita a un gran numero di fusioni interessanti, soprattutto nel campo dell’artigianato, della scultura e della musica.

L’arte precolombiana spicca per le sue sculture di pietra e per la lavorazione dell’oro e della ceramica.

L’artigianato indios, che si distingue per la creazione di ceste, la tessitura e la lavorazione della ceramica risale al periodo precolombiano ma, al giorno d’oggi, riesce a fondere tecniche moderne con motivi decorativi tradizionali. La musica colombiana comprende i ritmi africani dei Caraibi, la salsa cubana e la musica andina, fortemente influenzata dai ritmi spagnoli.

Lo spagnolo è la lingua ufficiale della Colombia e, ad eccezione di alcune remote tribù indios, è parlato da tutti i Colombiani.

Nel paese, inoltre, vengono utilizzati circa 75 dialetti indios.
L’inglese viene insegnato nelle scuole, ma rimane una lingua poco conosciuta e poco diffusa.


Il cattolicesimo è la religione principale in Colombia, anche se negli ultimi anni più di 3 milioni di fedeli hanno abbandonato la religione cattolica per unirsi ad altre congregazioni e sette religiose.

L'enorme patrimonio precolombiano e l'importazione culturale spagnola, fanno della Colombia il paese con la maggiore ricchezza culturale di tutto il Latinoamerica.
Tra le figure che raggiungono una risonanza mondiale si cita Alejandro Obregón, Enrique Grau, Luis Caballero, e soprattutto Fernando Botero che con le sue opere ironiche è famosissimo in tutto il Mondo.

Sistema Politico

Repubblica Presidenziale Organo legislativo bicamerale: Senato con 102 membri e la Camera dei Deputati con 163 membri.

Nome completo: Repubblica della Colombia

Nome ufficiale: República de Colombia

Lingue ufficiali: Spagnolo1

Capitale: Bogotá (8.000.000 ab.)

Politica

Forma di governo: Repubblica presidenziale

Presidente: Álvaro Uribe Vélez

Indipendenza: Dalla Spagna

20 luglio 1810 (dichiarata)

7 agosto 1819 (riconosciuta)

Ingresso nell'ONU: 5 novembre 1945

Superficie

Totale: 1.141.748 km² (25º)

% delle acque: 8,8 %

Popolazione

Totale (2007 stima): 44.664.517 ab. (28º)

Densità: 38,68 ab./km²

Geografia

Continente: America del Sud

Fuso orario: UTC-5

Economia

Valuta: Peso colombiano (COP)

PIL (PPA) (2006): 386.353 milioni di $ (28º)

PIL procapite (PPA) (2005): 7.560,5 $ (84º)

ISU (2005): 0,791 (medio) (75º)

Varie

TLD: .co

Prefisso tel.: +57

Sigla autom.: CO

Inno nazionale: Oh Gloria Inmarcesible!

Festa nazionale: 20 luglio

PROCEDURA

Normativa di riferimento

Codice colombiano dei Minori: decreto legge n.2737 del 27 novembre 1989, art. 88-128.

Risoluzione n°1267 del 1994 che disciplina le procedure di adozione

Alcuni requisiti previsti per gli adottanti dalla normativa locale

Possono adottare in Colombia tutte le persone maggiori di 25 anni di età che abbiano almeno 15 anni più dell'adottato e che abbiano comprovate attitudini fisiche, mentali, morali e sociali per accogliere il minore;

La presenza di figli legittimi, naturali o adottivi da parte degli adottanti, non è di ostacolo all'adozione in Colombia di minori;

Costituisce titolo preferenziale le disponibilità ad accogliere bambini in età scolare, bambini di colore, nuclei di fratelli o minori con problemi sanitari.

La normativa locale prevede che: le coppie di età compresa tra i 25 e i 35 anni possano adottare in Colombia bambini di età compresa tra gli 0 e i 3 anni; le coppie di età compresa tra i 35 e i 45 possano adottare bambini tra i 4 e i 6 anni; oltre i 45 anni le coppie potranno adottare minori di età superiore ai 6 anni.

Requisiti relativi all'adottando

I minori possono essere adottati in Colombia solo se dichiarati in stato di abbandono oppure se i genitori naturali o il tutore legale hanno prestato validamente il proprio consenso all'adozione;

Tale consenso all'adozione in Colombia non può essere prestato a favore di una famiglia che ha avuto precedenti contatti con il minore o nei confronti di un bambino non ancora nato;

Da tener presente

La coppia, in Colombia, deve trascorrere con il minore un periodo di affido preadottivo prima che il competente tribunale pronunci l'adozione in Colombia. La permanenza, in tale paese, è di circa 45 giorni.